Posta di un simpatizzante quacchero

Posta

Mi chiamo Davide, sono molto attratto dal quaccherismo e vorrei fare un Silent Meeting online: si fa qui o su quale indirizzo?

Per i quaccheri è ancora obbligatorio dare del tu a tutti? Fra noi non è un problema,ma dove vivo io (Sardegna)

la gente è molto suscettibile…

Sono d’accordo con tutte le altre cose, e vorrei anche complimentarmi con voi per l’interesse attivo che mostrate per temi sociali e civili. Grazie.

Davide.

Caro Davide, il nuovo corso di questo ultimo anno ci differenzia dalle esperienze del culto del silenzio dei decenni precedenti in quanto ho optato come teologo per un meeting programmato in cui il silenzio si lascia solo alla persona fra i diversi interventi: non a caso sui nostri siti http://www.quaccheri.it e http://www.ecumenici.it trovi i tanti meeting tenuti nel corso del 2015 e quello di sabato 28 maggio scorso. Mai era accaduto in Italia. Solo silenzio primo e poco più.

Ci differenziamo dunque dalla tradizione londinese per avvicinarsi a questa americana e africana (dove vive ora la maggioranza assoluta dei quaccheri oggi): in primis anche nel celebrare il Sabato nel rispetto del comandamento divino che nessuna chiesa può cambiare e in secondo per lasciare tracce scritte di meditazione e riflessione a chi non ha partecipato. Per quelli che vengono dopo come te. Stiamo sperimentando uno zoom meeting che potenziamente può accogliere tante decine di persone. C’è un nuovo responsabile che ti spiegherà il facile meccanismo di parlare e chattare in diretta contemporaneamente e on line se scarichi il programma da Play store : si chiama Zoom (.us) ed è molto più professionale di Skype e serve proprio per il tuo caso di persona lontana (Sardegna). Come me e la quasi totalità dei contatti ci diamo del tu. Solo il nostro traduttore non preferisce questa forma ma per noi storicamente è imortante quando dovevamo parlare al re oggi a un presidente della Repubblica per incitare alla obiezione di coscienza, alla diserzione, alla disobbedienza civile con la forza morale che nessun cattolico o protestante abbia mai avuto.

Lascia un sms col tuo numero al 392-1943729 e sarai avvisato alle ore 14.45 del codice numerico per collegarti in diretta sabato alle 15.  Siamo già citati su Wikipedia per il teologo antimilitarista fuori dalla chiesa protestante Leonhard Ragaz come megliori curatori della sua figura in italiano.  Siamo censurati dai protestanti e cattolici ma è un onore!

Il resto curiosa da te: abbiamo un occhio privilegiato per ebraismo e sufi più che gli altri cristiani ma fra questi la riforma popolare ci interessa. E non quella borghese. Il prossimo culto è per l’ultimo sabato del mese su tema delle adozioni delle famiglie arcobaleno. Per noi è cosa del 2009 ma in Italia ci facciamo la rivoluzione.

Buon inizio

Maurizio

Trovi Universalismo e rifiuto

Sono valide tutte le vie che portano a Gesù

La rivista Mosaico di pace chiedeva poco fa un intervento scritto sul tema Fede e denaro: gli ho ribadito che come quaccheri con riferimento mondiale all’Ohio Early Meeting non abbiamo rapporti con altre chiese cristiane o riferimenti di chiese e di non confonderci con una chiesa evangelica. Non abbiamo posizioni sistematiche. Poche ore fa ho dato infatti all’amico cattolico – buddista incontrato sabato il riferimento principale che io conosca in materia di “Paul Kniter: senza Buddha non potrei essere cristiano” con la consapevolezza che noi quaccheri non abbiamo nessuna confessione di fede da ripetere a memoria e riconosciamo che le vie a Gesù sono infinite come solo lo Spirito sa.
Bentrovati a tutti gli amici in ricerca su altre strade religiose o non religione: di certo le nostre non si incrociano con quelle delle chiese.
http://www.ibs.it/code/9788864112398/knitter-paul-f/senza-buddha-non-potrei.html

Lazzaro, vieni fuori! Sempre è Pasqua per noi

Il Vangelo di Giovanni, all’inizio del capitolo 11, narra che un giorno Lazzaro si ammalò, e le sorelle fecero avvisare Gesù. Il Signore aspettò ancora due giorni prima di andare da Lazzaro. Quando arrivò, Lazzaro, però, era già morto e Marta gli disse: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!”. “Tuo fratello risorgerà” le disse Gesù e Marta rispose: “Lo so che risorgerà nell’ultimo giorno”. “Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me, anche se muore, vivrà”, continuò Gesù. Poi Marta andò a chiamare Maria, sua sorella, che si alzò e andò da lui. Quando Gesù vide Maria che piangeva, e vide piangere anche quelli che erano venuti con lei, si commosse e pianse. Allora Gesù giunse alla tomba e disse: “Togliete la pietra!”. Spostarono la pietra e Gesù alzò lo sguardo e gridò con voce forte: “Lazzaro, vieni fuori!” e Lazzaro uscì dalla tomba.
La resurrezione, sia quella di Lazzaro sia quella di Gesù sia quella dei nostri cari, che abbiamo seppellito, è sempre un problema di non facile soluzione. Il dubbio più grande della nostra fede!
Gesù è vivo? Noi rivivremo?
La sfida che ogni narrazione biblica ci rivolge è quella di cogliere che cosa si celi, in verità, dietro e oltre ciò che sembrerebbe manifesto. Al di là dalla carica narrativa presente in questo racconto, l’evangelista intende parlarci di un Signore vivente e operante nella quotidianità dell’esistenza della Chiesa e del credente. Giovanni scrive di cose perenni, di situazioni e problemi sempre presenti nella natura umana e nel cammino spirituale di chi orienta la sua vita verso il trascendente, verso la spiritualità. Già, che fine ha fatto la nostra spiritualità?
Crediamo ancora che il Signore possa ridare la vita?
Noi colleghiamo normalmente la resurrezione alla morte e, soprattutto, la colleghiamo a due periodi molto lontani nel tempo: a un periodo del passato, la resurrezione di Gesù, e a uno futuro, la resurrezione nel giorno del giudizio universale alla fine dei tempi. Gesù, però, collega la resurrezione alla vita, non alla morte. Gesù afferma: «Io sono la resurrezione e la vita». Se poniamo più attenzione a questo collegamento, potremo forse cogliere e scoprire un significato della resurrezione che altrimenti ci sfuggirebbe.
Se la resurrezione va collegata alla vita, allora prima di rispondere alla domanda “che cos’è la resurrezione?”, dovremmo rispondere alla domanda “che cos’è la vita?”, “che cos’è la nostra vita?”. Qual è l’asse su cui si muove la nostra esistenza? il suo motore portante? Qual è il suo significato rispetto a tutto quello che ci circonda?
Dentro di noi vive più l’angoscia o l’ottimismo? Vive più la tristezza o la gioia? la paura o il coraggio? E fuori di noi vomitiamo il nostro lamento o portiamo creatività e innovazione? Scambiamo riservatezza per indifferenza o irradiamo allegria e fiducia? Siamo portatori di morte o di vita?
Nel nostro racconto, Marta – colei che si ha sempre da fare, quella che vede gli aspetti pratici delle situazioni, che si rimbocca le maniche e non va dietro alle ciance e ai paroloni – va incontro a Gesù correndo e cercando una risposta immediata al suo dolore. Anche Maria si sfoga col Signore, gettandosi in ginocchio come in un atteggiamento di preghiera. Come noi, quando attraversiamo dei brutti momenti (e li attraversiamo!)
Anche se siamo credenti, anche se sappiamo che Gesù è il nostro Signore, dobbiamo pur ammettere che a volte lo sentiamo lontano… lento… inutile, mentre la sofferenza viene a toccare duramente la nostra vita. Quello è il momento della fede, il momento in cui dobbiamo decidere se sono tutte favole quelle in cui crediamo o se ci crediamo davvero.
Nel dialogo serrato che intercorre tra Marta e Gesù, il Signore la invita ad avere fede, la invita a non mollare a non fermarsi a fissare la morte perché ovunque è presente il Signore lì c’è vita, lì cad affrontare te era.hiol vero messaggioorecchia ascoltare’è resurrezione! Quando Cristo entra nella nostra vita, noi entriamo nella sua e, quindi, nella resurrezione.
La parola pronunciata dal Signore è una parola creatrice, che mette in crisi e in discussione la nostra razionalità, il nostro modo “normale” di metterci davanti a Dio e alla vita di tutti i giorni, il nostro modo di affrontare una giornata andata a male, un rapporto che sta morendo, un lavoro che non ci soddisfa, una religione che non ci dice più nulla, ad affrontare una società che sta cambiando e un’accoglienza verso migliaia di profughi che getta nella paura il nostro futuro e aizza il nostro razzismo latente.
La parola di Cristo “Lazzaro, vieni fuori!” oggi è rivolta a ciascuno di noi. Ognuno aggiunga il suo nome e si senta chiamato, si senta chiamata: “… vieni fuori!”, “non avere paura, Io conduco alla vita”. Qualunque sia la tua situazione interiore, qualunque sia il peso che schiaccia il tuo cuore e la tua vita, qualunque sia la rete in cui la tua anima è aggrovigliata, abbi fiducia nel Cristo che ti chiama per nome e ti tira fuori.
Questa è la potenza della resurrezione nella nostra vita e nella vita dell’umanità intera impantanata nel male, ma in cammino verso una vita dignitosa per tutti.
Auguro a tutti voi una felice Pasqua di Resurrezione!

Il nostro lavoro su www.anpimedioolona.eu

Archivi di Dicembre 2015

Sono esclusi i testi relativi al testo del Prof Spagnoli, che sono riassunti nelle pagine in alto del sito per la veloce consultazione storica. Viene riportata la data per una ricerca agevole nel blog sulla base dei vari mesi usati.

  1. Tesserati anche te  16° Congresso Nazionale ANPI del 16/12
  2. Segui on line Patria Indipendente del 16/12
  3. Un video del passato recente del 17/12 (Sin
  4. dacato SPI)
  5. Invito provinciale ANPI per il 19/12 del 17/2
  6. IBS o Subito.it o E.bay per acquisto testo di Spagnoli del 17/12
  7. Il Prof. Natale Spagnoli tutti i discorsi scritti della presentazione del libro Fascismo e resistenza nel 1985 del 17/12 (Fonte Comune)
  8. Una precisazione dell’Autore “n.s”. del 17/12
  9. Olgiate Olona: una realtà di poco superiore ai 4.000 residenti del 17/12 (Fonte Comune)
  10. 1943: è già tempo di GAM GAM video degli studenti ISIS Bernocchi del 17/12
  11. Ciao Comandante La foto di Cossutta, per la sua morte del 17/12
  12. Il campo di concentramento di Bolzano del 21/12
  13. Campo di concentramento di Flossenbürg del 21/12
  14. Io la farò ad Olgiate e te? Tesseramento del 22/12
  15. Firma anche te Petizione per la messa fuori legge di tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste del 22/12