Pensiero del 5 del terzo mese

5 del terzo mese

Quando apprendiamo la grammatica, impariamo come leggere e scrivere. Ma la grammatica non ci insegna se bisogna scrivere una lettera al nostro amico o no. Allo stesso modo la musica ci insegna a cantare o suonare uno strumento, ma non ci insegna quando si può cantare o quando è il momento di suonare.

Solo la ragione ci mostra che cosa occorre fare e che cosa non occorre fa . Assegnandoci la ragione, Dio ci ha messo a disposizione qualcosa che ci è più d’ogni altra cosa necessaria, qualcosa con cui possiamo orientarci.

Facendomi quale sono , è come se Dio mi dicesse. “Epitettto! Avrei potuto migliorare di molto il tuo corpo miserabile e la tua sorte meschina. Ma non rimproverarmi di non averlo fatto, Non volevo darti piena libertà di fare tutto quello che ti veniva in mente, ma ho riposto in te una divina particella di me stesso. Ti ho dato la possibilità di sforzarti  verso il bene e di evitare il male, ho riposto in te il libero intendimento.

Se applicherai la tua ragione a tutto quello che ti accade , nulla al mondo potrà costituire un ostacolo o un imbarazzo  sulla strada che ti ho assegnato; non ti lamenterai mai della tua sorte, né delle persone; non le condannerai e non cercherai di procacciartene i favori. Non pensare che questo sia poco per te. E’ forse poco per te vivere tutta lka vita secondo ragione, nella tranquillità e nella gioia? Questo ti basti!”.

Epitetto

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...